Sciare a Seefeld in camper

Per scaricare gli appunti di questo viaggio in pdf clicca seefeld

Cosa fare a Seefeld d’inverno

Seefeld è una località di villeggiatura austriaca (Tirolo) considerata al top per il turismo estivo, invernale e soprattutto lo sci nordico. Infatti, si trova su un altipiano a una altitudine di 1200 m a circa 20 km da Innsbruck ed è collegata con una rete incredibile di sentieri e piste di fondo con i paesini vicini (Leutasch, Moesern-Buchen, Reith, Scharnitz).

Per quanto concerne lo sci nordico, basti pensare che ha ospitato le Olimpiadi del 1964 e 1976 ed è sede tradizionale delle gare di Coppa del Mondo. Da quanto ho letto (e parzialmente intravisto, dato che non sono un “fondista”), ci sono 271 km di piste di tutte le difficoltà (azzurre, rosse, nere) e per tutte le esigenze (fondo, fondo con slittino, piste illuminate in notturna e anello per sci di fondo con cani).

La cosa più spettacolare è il dedalo di sentieri escursionistici invernali (Winter Wanderwege). Negli alberghi, campeggi, nel centro informazioni, ovunque è facilissimo trovare cartine appositamente dedicate ad escursioni da percorrere a piedi o con le ciaspole nell’intatto paesaggio invernale. Anche qui ci sono centinaia di km di percorsi, suddivisi per difficoltà; i percorsi più lunghi arrivano negli altri paesi della vallata, con possibilità di sosta lungo i rifugi.

Il centro di Seefeld merita da solo, per la sua architettura, una visita turistica. Seefeld ha circa 3.000 abitanti, e ha un centro storico tipicamente tirolese. Le guide turistiche consigliano di visitare la Pfarrkirche St. Oswald—che risale al XV secolo— per il portale e l’altare gotico, nonché per la fonte battesimale e il coro in legno. Personalmente consiglio di camminare per la piccola zona pedonale ed ammirare le case, i ricchi alberghi e negozi decorati in stile alpino: è l’insieme che conferisce bellezza al tutto.

Seefeld è famosa altresì per il suo casinò, che si trova proprio nel centro del paese. Il casinò in parola mi è sempre sembrato particolare, in quanto vi si respira un’atmosfera diversa da quella che c’è in altre case da gioco, forse perché c’è molto legno e sembra un rifugio alpino piuttosto che un luogo “di vizio”. Mi è inoltre caro perché vi ho sempre vinto.

Chi scrive sente l’irrefrenabile necessità di menzionare tra le principali attrazioni di Seefeld anche il centro termale (Olympia Sport & Kongresszentrum). Questa struttura si trova poco distante dall’isola pedonale ed è considerata un’oasi di relax per adulti e bambini in quanto si trovano piscine, idromassaggi, saune, cinema, ristorante, e tante altre cose. Strutture simili non rappresentano un’eccezione nell’offerta turistica austriaca; a chi scrive forse è particolarmente cara perché proprio qui ha fatto per la prima volta (nel 2004) il bagno in una piscina all’aperto sotto una copiosa nevicata, con ovvia guerra a palle di neve con gli amici.

C’è infine la possibilità di praticare sci alpino, ma questo argomento merita una trattazione a sé stante.

Lo sci alpino a Seefeld

Mentre Seefeld può considerarsi una delle capitali mondiali dello sci nordico, altrettanto non può dirsi con riferimento allo sci di discesa: in Austria ci sono certamente posti più famosi per fare discesa, e sicuramente con un maggior numero di piste.

Tuttavia, a Seefeld ci sono sufficienti chilometri di pista (divisi su tre distinti gruppi montuosi) da impegnare uno sciatore medio per uno-due giorni senza che questo si annoi. Precisamente, a Seefeld si può fare sci da discesa nei seguenti comprensori:

i) Rosshutte: è il principale complesso sciistico di Seefeld. Si scia sulle pendici di due distinte montagne (Seefelder Joch e Harmelekopf) collegate da una funivia che, nell’attraversare la valle, si segnala il bel vuoto che lascia sotto i piedi. Si scia tra i 1.230 e i 2.064 mslm. Ci sono circa 20 km di pista serviti da una decina di impianti.

Gli impianti di risalita di Rosshutte si trovano in estrema periferia del centro abitato, e dal centro abitato sono divisi dalla strada federale; quindi è necessario raggiungerli in macchina oppure con lo skibus.

(ii) Gschwandkopf: è un complesso sciistico di dimensioni più ridotte che ha la stazione di partenza quasi in centro. Ci sono 7 impianti di risalita che vanno dai 1.200 ai 1.500 mslm (la maggior parte sono skilift). E’ la zona maggiormente dedicata ai bambini:  tuttavia, anche un adulto riesce a trascorrervi una mezza giornata di sci senza problemi.

Questi due sono i complessi adatti per chi ha già una certa capacità sciistica. Ci sono poi altri due complessi che vanno bene per bambini o per chi sta imparando a sciare, ma non certo per una sciatore con un minimo di esperienza.

(iii) Geigenbuehel: nel complesso in parola si trovano due piccoli skilift che vengono usati come campo scuola su una collina nel centro di Seefeld. L’ideale per i bambini alle primissime armi oppure per slittare. Si trova a fianco della via principale di Seefeld, in Munchner Strasse.

iv) Birkenlift: vi si trovano due skilift paralleli con a fianco una pista larghissima. E’ l’ideale per chi sta iniziando a sciare, soprattutto bambini, perché sono state installate delle sagome lungo un percorso che attraversa un boschetto per la gioia dei più piccoli. Birkenlift è praticamente sull’altro versante della collina di Geigenbuehel. Dalla cima di Geigenbuehel si può raggiungere con gli sci racchettando per 50 metri, oppure si arriva in auto o ski bus, in via Leutascherstrasse, di fronte al Campeggio “Camp Alpin” (5 muniti di skibus dall’isola pedonale di Seefeld).

cartina-piste-sci-seefeld

La nostra esperienza

Gli appunti di viaggio che seguono raccontano le vacanze di carnevale trascorse a Seefeld dal 5 al 9 febbraio 2016. Vacanze trascorse in camper con moglie e tre bambini (età massima 7 anni)

La descrizione iniziale e le valutazioni complessive su Seefeld sono tuttavia il risultato di più soggiorni e/o visite fatte nel corso degli ultimi 15 anni; così, ad esempio, c’è una breve descrizione del casinò, anche se nel febbraio 2016 non vi ho portato la famiglia per ovvi motivi; d’altro canto, mi sarebbe piaciuto portare i bambini in piscina, ma non ci sono riuscito per mancanza di tempo. Ma sono comunque attrazioni che caratterizzano Seefeld e ne va dunque dato conto.

I Krampus ci spaventano durante il trasferimento—Giorno 1

Venerdì 5 febbraio siamo partiti da Treviso verso le 16. Alle 20 ci siamo fermati nel parcheggio del centro commerciale di Vipiteno (nei pressi del casello autostradale) per cenare, quando degli estranei ci hanno spalancato, senza alcun preavviso, la porta della cellula abitativa del camper: erano due krampus, cioè due ragazzi che indossavano tute arancioni con il volto coperto da maschere mostruose e che si aggiravano per la strada a terrorizzare le persone. Ci siamo tutti messi a urlare per lo spavento preso e siamo letteralmente scappati.

Poiché la strada che da Innsbruck sale all’altipiano di Seefeld è famosa per quanto è ripida, e aveva da poco terminato di nevicare, abbiamo pernottato nel campeggio Kranebitten, nella periferia Ovest di Innsbruck (speso € 27,50). La salita ai 1.200 mslm di Seefeld era infatti opportuno venisse fatta con strade
pulite e di giorno.20160208_091015

Arrivo nel Campeggio di Seefeld—Giorno 2

Sabato mattina verso le 10 siamo arrivati a Seefeld, nel Camp Alpin, che si trova in Leutascher Strasse 810 · 6100 Seefeld in Tirol.

Il campeggio si trova a circa 15-20 minuti a piedi dal centro di Seefeld, proprio di fronte agli impianti di risalita di Birkenlift (la piccola montagna con due skilift paralleli con affianco una pista larghissima, ideale per i bambini). Il campeggio è collegato con il centro di Seefeld da un efficiente e gratuito skibus.

La mattina ci sistemiamo in campeggio. C’è il sole e 15 cm di neve fresca.

Nel pomeriggio Giulia e Romina sciano a Birkenlift. Io rimango in camper (a lavorare) e riesco a vedere le due sciatrici dal finestrino del camper; la qual cosa mi diverte assai. Come mi piace l’idea che le piste sono così vicine al camper che Giulia e Romina fanno la sosta in camper, senza dover fermarsi in rifugio.

Sciare a Gschwandkopf—Giorno 3

Domenica mattina sono andato a sciare a Gschwandkopf insieme a Giulia.

Raggiungiamo la stazione di partenza con lo skibus e troviamo un poco di caos solo nel campo scuola, anche perché siamo arrivati all’ora di ritrovo delle varie scuole di sci.

La sciata è piacevole perché nonostante sia una domenica di alta stagione (è periodo di festa in Austria), sulle piste e sugli impianti c’è poca gente. Quello che mi colpisce maggiormente è che tranne una seggiovia, gli impianti di risalita sono tutti skilift (quasi tutte ancore). Parlando con un signore austriaco di questo argomento, è emerso che non si tratta di una caso, ma di una volontà precisa: in questo modo possono prendere gli impianti di risalita anche i bambini (da soli) senza i rischi di caduta che comporta una seggiovia.

A questo proposito, devo peraltro riferire come mia figlia Giulia tra una seggiovia a sganciamento automatico e uno skilift preferisca quest’ultimo: trova la risalita con lo skilift come una parte del divertimento dell’attività sciistica e certamente meno noiosa rispetto allo stare seduti su una seggiovia.

Le piste sono in prevalenza azzurre; c’è anche un poco di varietà di paesaggio poiché si va sull’altro versante della montagna. Tre ore sono necessarie e sufficienti per provare tutte le piste e ripetere quelle maggiormente di proprio gradimento.

Slittata a Geigenbuehel  e sauna nel Camp Alpin—Giorno 3

Nel tardo pomeriggio di domenica abbiamo portato i bambini a slittare a Geigenbuehel (bob preso a noleggio proprio alla partenza degli impianti), cioè in quella collina praticamente nel centro di Seefeld che è dedicata allo sci e al divertimento dei bambini.

Abbiamo poi fatto una passeggiata nel centro storico di Seefeld con merenda in una delle tante pasticcerie.  Alle 17.50 abbiamo preso lo skibus per tornare in campeggio.

Prima di cena ho fatto la sauna e la cromo terapia nel centro benessere del campeggio. La cosa che maggiormente mi è piaciuta è stata rilassarmi sulla sdraio davanti all’ampia vetrata a guardare la neve che ha iniziato a cadere sul bel campeggio illuminato dalle lucine dal gusto quasi natalizio.

20160206_113622

Sciare a Rosshutte—Giorno 4

Lunedì mattina sono andato a sciare a Rosshutte da solo.

Sono arrivato alla stazione di partenza con lo skibus alle 8.20 e ho inaspettatamente trovato già tantissima gente che, al pari del sottoscritto, aveva pensato di presentarsi sugli impianti ancora prima della loro apertura. Per il mattutino ho speso € 33,50.

Sono comunque riuscito a prendere il primo viaggio sulla cremagliera che porta in cima e quando ho iniziato a sciare mi sono quasi commosso: dopo la nevicata della notte ha incominciato ad uscire il sole, e così ho potuto sciare sulle piste coperte da 5-10 cm di neve fresca!

Ci sono piste azzurre, rosse e qualche nera. Per far comprendere le dimensioni del comprensorio (al di là dei freddi numeri), si tenga presente che in circa 4 ore sono riuscito a provare quasi tutte le piste e gli impianti, ripetendo le piste che lo meritavano. Va peraltro aggiunto che a un certo punto sono stato contento di tornare in campeggio per la quantità di gente sugli impianti—che in qualche occasione mi hanno obbligato a fare anche 10 minuti di coda–, e per il fatto che la neve fresca caduta durante la notte si è trasformata in fastidiosi accumuli “spacca-gambe”.

Nel pomeriggio hanno sciato Giulia e Romina nella pista di fronte al campeggio.

Tommaso e Ludovic20160206_150703a hanno invece trascorso la giornata a giocare con la neve.

In serata, è stato il turno di Romina a fare la sauna nel centro benessere del Camp Alpin.

 

Ultime sciate e ritorno a casa—Giorno 5

Martedì mattina Giulia e Romina hanno sciato ancora una volta Birkenlift.

Alle 13 siamo partiti per tornare a Treviso, che abbiamo raggiunto dopo cinque ore di viaggio (disturbato dal forte vento sul passo del Brennero).

Valutazione finale su Seefeld

Seefeld si è confermata un’ottima località per il turismo invernale. Non è il massimo per lo sci alpino, ma ci sono così tante altre cose da fare che i pochi chilometri di pista non rappresentano un grosso problema. Precisamente, quando sei a Seefeld ti viene una gran voglia di provare lo sci di fondo e fare le passeggiate lungo i sentieri che attraversano le vallate e i boschi tirolesi.

Volendo schematizzare, come offerta turistica complessiva è sicuramente una località di prima fascia. Se il giudizio viene limitato al solo sci di discesa, è una località di seconda/terza fascia: infatti, la qualità turistica complessiva compensa la circostanza che il chilometraggio complessivo delle piste di discesa è di terza fascia.

Valutazione finale del campeggio di Seefeld

Il campeggio di Seefeld (Camp Alpin) è in una piana che prende il sole per gran parte della giornata, e questo è molto importante d’inverno, dato che consente di spegnere il riscaldamento del camper durante le ore diurne.

La location è eccezionale per chi voglia imparare a sciare dato che è letteralmente attaccato allo skilift di  Birkenlift. Il campeggio è relativamente distante dal centro di Seefeld dato che ci vogliono circa 15-20 minuti a piedi (noi siamo andati a piedi in un paio di occasioni, spingendo un passeggino gemellare). Per chi non voglia camminare  c’è comunque un servizio di autobus che partono proprio dal campeggio con una discreta frequenza.

Il blocco servizio, il ristorante e il mini market sono di (alta) qualità tipicamente tirolese. Il pezzo forte è il centro benessere con sauna, bagno turco, cromoterapia. Ho avuto la sensazione che molti degli ospiti del campeggio fossero venuti al Camp Alpin solo  per stare nella SPA del campeggio.

Il costo del soggiorno nel campeggio è proporzionato alla qualità dei servizi e al consumo dell’energia elettrica. Noi (due adulti e tre bambini) per tre notti abbiamo speso € 233.

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...